Psicoterapia Valutazione della Personalità e Psicodiagnosi

per centrare più facilmente l’obbiettivo

LA PSICODIAGNOSI

Il processo psicodiagnostico può essere inteso come un processo di raccolta e di organizzazione dei dati relativi a un paziente, finalizzato a raggiungere una migliore e più completa comprensione della persona, sia in termini oggettivi (vale a dire i sintomi che manifesta) che soggettivi (le modalità peculiari di pensareagire e di relazionarsi che la persona mette in atto, le sue motivazioni e risorse psicologiche), in modo tale da comprenderne il funzionamento.

Si avvale dell’uso di tecniche quali il colloquio, la raccolta dei dati bio-psico-sociali, l’osservazione, i test di personalità.

La messa a confronto e l’integrazione dei dati così raccolti permette al clinico di impostare un corretto progetto d’intervento.

Gli Ultimi Articoli in VALUTAZIONE DELLA PERSONALITA’ E PSICODIAGNOSI

  • La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 3

    Quest’articolo prosegue e conclude il discorso iniziato con “Dottoressa, Lei è freudiana” e “La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 1 e 2”. Modello delle dissintonie e disconoscimenti Alla fine degli anni ’30, Sullivan sposta l’attenzione dal conflitto pulsionale al conflitto tra quel che l’uomo è e quel che socialmente deve

  • La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 2

    Quest’articolo prosegue il discorso iniziato con “Dottoressa, Lei è freudiana?” e “La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 1”. Modello del conflitto relazionale L’importanza del ruolo giocato nello sviluppo dalle figure significative diventa primario nella Klein, la quale, secondo Greenberg e Mitchell rappresenta l’alternativa radicale al modello del conlitto pulsionale, ma,

  • La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 1

    Tempo fa ho pubblicato un articolo dal titolo “Dottoressa, Lei è freudiana?”, spiegando che questa domanda mi è stata posta spesso in più di vent’anni di attività e che sempre mi mette un po’ agli angoli perché, sì, la mia formazione parte da Freud, ma la psicoanalisi, da 130 anni a questa parte, è molto