Psicoterapia ricerca personale e psicoanalisi

per una consapevolezza di sé più autentica

LA PSICOANALISI OGGI

Dalla sua nascita, con Freud alla fine dell’Ottocento, ai giorni nostri, il modello psicoanalitico ha subìto notevoli trasformazioni, adeguandosi alle problematiche emotive che i pazienti portano in seduta e che sono state fortemente influenzate dai profondi cambiamenti sociali e culturali a cui il secolo scorso e quello attuali sono andati incontro.

Dagli anni ’20 in poi sono sorti molti modelli terapeutici non psicoanalitici, ma, a mio avviso, quello psicoanalitico, “tagliato su misura” per quel paziente in quel momento specifico della sua vita, rimane l’unico in grado di agire davvero sul profondo e di consentire un cambiamento strutturale.

L’obiettivo che ci si propone è il raggiungimento di una maggiore conoscenza di sé e del proprio mondo interiore, delle proprie emozioni e dinamiche intrapsichiche e interpersonali, dei vissuti e dei comportamenti che ostacolano la piena espressione della propria personalità, di una maggiore flessibilità affettiva, cognitiva e comportamentale, di una migliore capacità di individuazione e modulazione delle emozioni: viene favorito, di conseguenza, un percorso di crescita personale.

Lo psicoterapeuta psicoanalitico è direttamente coinvolto nella relazione con il paziente e lo accompagna nel processo, lavorando sia sul “qui ed ora”, sia sugli eventi passati, sia sugli stili di attaccamento, come radice degli attuali comportamenti, in vista di una modificazione nel futuro.

In quest’ottica, le risposte non possono mai essere preconfezionate, ma costruite sull’individuo nella unicità sua e della sua storia. 

Gli Ultimi Articoli in Ricerca Personale e Psicoanalisi

  • La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 3

    Quest’articolo prosegue e conclude il discorso iniziato con “Dottoressa, Lei è freudiana” e “La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 1 e 2”. Modello delle dissintonie e disconoscimenti Alla fine degli anni ’30, Sullivan sposta l’attenzione dal conflitto pulsionale al conflitto tra quel che l’uomo è e quel che socialmente deve

  • La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 2

    Quest’articolo prosegue il discorso iniziato con “Dottoressa, Lei è freudiana?” e “La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 1”. Modello del conflitto relazionale L’importanza del ruolo giocato nello sviluppo dalle figure significative diventa primario nella Klein, la quale, secondo Greenberg e Mitchell rappresenta l’alternativa radicale al modello del conlitto pulsionale, ma,

  • La psicoanalisi e l’evoluzione storica dei suoi principali modelli – Parte 1

    Tempo fa ho pubblicato un articolo dal titolo “Dottoressa, Lei è freudiana?”, spiegando che questa domanda mi è stata posta spesso in più di vent’anni di attività e che sempre mi mette un po’ agli angoli perché, sì, la mia formazione parte da Freud, ma la psicoanalisi, da 130 anni a questa parte, è molto