Sani e robusti?

Abbiamo fatto una ricerca su un gruppo di iscritti a una società sportiva, quindi in possesso dei requisiti di salute e fisico robusto; guardando con un occhio attento alla globalità dell’individuo, sono emersi dati molto interessanti: in altre parole, abbiamo un’alta percentuale di calciatori in erba che saranno pieni di acciacchi ancor prima di essere diventati adulti. Ma allora qual è il concetto di salute? Cosa osservare in questi ragazzini perché crescano in modo armonico ? Al di là di malattie conclamate, come stabilire se un bambino è in un equilibrio dinamico, su cosa porre attenzione in modo da intervenire prima che il suo sistema consolidi una modalità non sana? Cosa considerare come “non salute”?

Essere in salute implica un consumo energetico proporzionato tra ciò che si deve mettere in atto per una  prestazione ed il risultato che si ottiene. Un conflitto fisico, metabolico od emozionale  disperde energia (in senso proprio chimico-fisico!). Quindi, se si è in un salutare equilibrio non si dissipa energia.

Cosa  osservare dei propri figli e di se stessi per stabilire se si appartiene a questa categoria? Come stiamo constatando dalla nostra ricerca, è rilevante il numero di persone che possono rientrare nella definizione di “sani che non stanno bene” (Gagey) o anche sani che dissipano energia.  Lo siete anche voi ? Dissipare energia pur essendo sani provoca sintomi particolari e a questi bisogna porre attenzione per vivere armoniosamente; un autotest ci aiuta ad individuarli.

Scopo dell’autotest è individuare i sintomi particolari dei “sani che non stanno bene”.

Come usare l’autotest: se segnate pochi sintomi o tutti della stessa tipologia forse avete bisogno di qualcuno che si occupi di quello specifico problema (avete un apparato non propriamente “sano e robusto”), se invece ne segnate di sparsi per qualità differenti, è molto probabile che siate “sani e dissipatori” delle vostre risorse.

Esempio (un po’ semplicistico): MAL di SCHIENA + DOLORE ALLE GAMBE + CERVICALGIA = dissipate energia dal sistema muscolo scheletrico che non sarà  propriamente “sano”. Se invece evidenziate: STANCHEZZA CRONICA + DIFFICOLTA’ AD ORIENTARSI NELLO SPAZIO + MAL di SCHIENA forse il vostro sistema è “sano” ma dissipa energia. Nel primo caso potrete rivolgervi ad un Fisiatra, un Kiropratico, un Massaggiatore, ecc., nel secondo avrete bisogno di qualcuno che vi osservi come un’unità funzionale, che vi consideri un tutt’uno, in UNA RETE PER CURARE di competenze professionali  specifiche, quindi nella vera accezione del termine olistico.

Questa non è una visita olistica!

L’immagine (geniale !) è tratta da una conferenza del Prof. Pierre Marie Gagey.

Dott. Luca Sangiovanni

Dott. Luca Sangiovanni

Il dott. Luca Sangiovanni è un Medico Chirurgo e Odontoiatra. Si occupa di Medicina Manuale e Posturale, Gnatologia, Osteopatia presso lo Studio Medico Posturalmente, a Milano, in Viale Lucania 3. Insieme alla dott.ssa Mariangela Villa ha messo a punto un intervento integrato fra Posturologia e Psicoterapia, con un attento sguardo all'insieme del paziente.
Dott. Luca Sangiovanni
Gli articoli di Posturalmente sono una opera dei dottori Luca Sangiovanni e Mariangela Villa e sono distribuiti con una licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 3.0. Gli articoli sono da intendersi come puramente informativi e con il seguente disclaimer.
Tutti i diritti sono riservati agli autori.
1) I Testi sono liberamente ripubblicabili se immodificati nella loro interezza, a scopo non commerciale, se viene incluso questo box di copyright e previa richiesta agli autori da questa pagina.
2) Immagini non ripubblicabili. Ulteriori permessi possono essere richiesti agli autori da qui.